giovedì 7 aprile 2016

Storia in 6 parole

Dopo aver sospeso le "5 frasi per ogni blogger" e in attesa di scegliere tra le nuove idee per il giovedì, vi avevo promesso una sorpresa per oggi ed eccovi accontentati con la tappa di un blog tour molto particolare.

L'inesauribile fucina di idee di Michele Scarparo propone regolarmente rubriche utili agli scrittori per mettersi alla prova e tenere in allenamento le proprie doti nella palestra letteraria del suo blog Scrivere per caso.


In questo periodo, Michele ha pensato di portare in tour le sue rubriche su altri blog e sono onorata di ospitare oggi la Storia in sei parole. Si tratta di un gioco senza altro premio che cimentarsi per saggiare la propria abilità di narratori e consiste nel raccontare una storia sul tema del giorno usando solo sei parole. Non è un esercizio semplice come potrebbe sembrare perché bisogna evocare un'intera trama, sottintendere qualcosa che è accaduto o sta per accadere, delineare un'atmosfera scegliendo i termini adatti.

Il tema che ho scelto per voi è tipico di me: il viaggio. Declinatelo come vi pare in viaggi reali o immaginari, sognati, desiderati, falliti, pensate a nostalgia, partenze, ritorni, avventure, ricordi...

Per vostro diletto, qui trovate le precedenti edizioni apparse sul blog di Michele.

È consuetudine che chi lancia il gioco cominci per primo, quindi ecco la mia storia:

Veliero armato, l'oceano attendeva minaccioso.

Ora tocca a voi!

65 commenti:

  1. Strada: non importa dove mi porterai.

    RispondiElimina
  2. Imbarcate i sogni, non le preoccupazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanta saggezza in 6 parole! Grazie, Sandra.

      Elimina
  3. La mente può portarmi dove voglio

    RispondiElimina
  4. Vado sulle nuvole anche senza aereo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci abito proprio. Sandra

      Elimina
    2. Quello è un altro tipo di viaggio, ma vale tutto :)

      Elimina
    3. Non amo viaggiare. Se non mentalmente

      Elimina
    4. Quando sei già dove vorresti essere, perché spostarsi? ;)

      Elimina
  5. Suole lise. Tanti chilometri, tanta gente.

    RispondiElimina
  6. Davvero partire è un po' morire?

    (Ripasso in pausa pranzo, scusate! )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Partire, morire? Fai viaggi brevi: mitridizzati!

      Elimina
    2. Con te non c'è gara, ormai sei troppo esperto :(

      Elimina
    3. Io? C'è un sacco di gente che ne posta di più e migliori :)

      Elimina
  7. Buon pomeriggio :-)

    Viaggi: chilometri di esperienze sulla pelle.

    RispondiElimina
  8. Buon pomeriggio :-)

    Viaggi: chilometri di esperienze sulla pelle.

    RispondiElimina
  9. Volere volare viaggiare sognare e tornare.

    RispondiElimina
  10. Tu, come viaggiare in un sogno...

    RispondiElimina
  11. Vado, non torno. Non mi cercate.

    RispondiElimina
  12. Chi ti cerca. Resta dove sei :P

    RispondiElimina
  13. Partiamo insieme? Il mondo ci aspetta!

    RispondiElimina
  14. Vedo il treno allontanarsi. Non parto.

    Svanisce sui binari la nostra storia.

    RispondiElimina
  15. Okay, viaggio: ma solo per raggiungerti

    RispondiElimina
  16. Aerei, precipitano. Navi, affondano. Resta qui! :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure la versione apocalittica!

      Elimina
    2. Aerei, precipitano. Navi, affondano. Bicicletta? Pedala! :-pppp

      Elimina
    3. OK. Giro del mondo in tandem? ^_^

      (Tu pedala. Io guardo il panorama.)
      :-p

      Elimina
  17. Mille chilometri farò. Poi cento ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con millecento chilometri arrivi a Montmartre. :P

      Elimina
    2. Veramente contavo di arrivare a Roma, in compagnia di Catullo. Ma è chiaro che se lui, scrittore vero, mi ha indicato una direzione io, scrittore finto, non sarò capace di fare altro che andare in direzione opposta. E mi troverò a Montmartre. ;)

      Viviamo, mia Lesbia, e viaggiamo,
      e ogni passo debole dei vecchi
      valga per noi la più vile moneta.
      Il giorno può morire e poi risorgere,
      ma quando muore il nostro breve giorno,
      il riposo del viandante dormiremo.
      Tu fai con me mille passi, e quindi cento,
      poi facciamone altri mille, e quindi cento,
      quindi mille continui, e quindi cento.
      E quando poi saranno mille e mille,
      nasconderemo il loro vero numero,
      che non getti il malocchio l’invidioso
      che anela andare, senza uscire mai di casa.

      Elimina
    3. Oggi ti stimo in maniera imbarazzante, Michele. :) Grazie per avermi inclusa nel tuo tour!

      Elimina
    4. No dai a Catullo quel che è di Catullo: fatti i millecento chilometri fino a Roma! :)

      Elimina
    5. Adesso mi imbarazzo io (#⌒⌒#)
      C'è poco da fare: Catullo è sempre Catullo! (anche quando lo rovino io)

      Elimina
    6. E comunque sono io che ringrazio voi per la disponibilità ad accogliere le mie rubriche :)

      Elimina
  18. Cit.: In barca a vela contro mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semicit: Viaggio in direzione ostinata e contraria.

      Elimina
  19. Muoversi senza spostarsi, teletrasporto dell'anima. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Barbara, poesia e fantascienza ;)

      Elimina
    2. Giochiamo a rincorrerci: Signor Sulu, energia!

      Elimina
    3. Ci porti fuori, oltre le parole! ;)

      Elimina
  20. Cade la neve, io semplicemente esisto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, quando guardi fuori dalla finestra durante una nevicata? Più o meno la stessa cosa. Ma se è in montagna è anche meglio!

      Elimina
  21. Quando parti, chiamami, butto la pasta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo. Niente pasta: vino, letto, noi.

      :P

      Elimina
  22. Se ti spedissi a quel paese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se partire è morire, mandare è...?

      Elimina
    2. ...è dare un contributo alla causa!

      Elimina
    3. Poste italiane: spedisci ma non arrivi!

      Elimina
  23. Fidatevi, la terra non è piatta.

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Servo muto attende ritorno camicie stop

    RispondiElimina
  27. Buongiorno a tutti! Sono Erica.
    Mi piacciono molto i giochi con le parole e volevo partecipare pubblicando due miei "Tilljod".

    1) Son deserto
    di aride alture,
    ricchezza.

    2) Secrete vie
    di solitarie sponde,
    l'amore.

    Buona giornata a tutti!

    RispondiElimina
  28. In autunno
    come foglia
    al vento.

    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erica, benvenuta e grazie per il contributo!

      Elimina